Quella del 2020 per me è stata un’estate molto particolare, attiva e che mi ha portato a conoscere tante nuove persone.

In anni e anni di allenamenti votati a raggiungere gli obiettivi più diversi tra loro, quest’anno ho avuto l’opportunità di allenare un gruppo di allievi accomunati da un unico, grande obiettivo e denominatore comune: andare oltre i propri limiti e prepararsi per una experience unica nel suo genere. Una di quelle, per capirci, che capitano una sola volta nella vita, perché allenarsi e remare tutti quanti, per mesi, verso una direzione unica e un obiettivo comune, rende l’esperienza ancora più prestigiosa!

Otto diversi caratteri, un obiettivo unico

Ho quindi, prima conosciuto, e poi allenato, per due mesi Alessandro, Eleonora, Claudia, Laura, Alessandro, Rosi, Valentina e Alice. Per me è stato come attraversare tutta l’Italia in lungo e in largo, perché ognuno di loro mi ha permesso, giorno dopo giorno, di entrare a far parte dei propri allenamenti: che si trattasse di una vista mare, una vetta di montagna o del verde delle colline più suggestive d’Italia, essere presente, seppure virtualmente, è stato bellissimo e irripetibile anche per me!

Lavorare sulle motivazioni, coltivare le proprie ambizioni

Ognuno di loro ha un background e una storia sportiva differenti. C’è chi ha giocato a calcio, chi a pallavolo, chi ha praticato boxe o crossfit, ma è stato molto appassionante farli entrare nel mondo del Running puro, dell’Endurance e del Trail attraverso una mentalità di squadra, nonostante i chilometri che separavano i vari domicili di ognuno di loro.
Per tutti ho compilato e cucito su misura, le schede di allenamento settimanali, raccogliendo i loro dati, individuando i loro punti deboli e sfruttando punti di forza ma anche le caratteristiche geografiche e paesaggistiche dei luoghi dove vivono.

C’è chi ha avuto bisogno di lavorare sull’esplosività degli scatti, chi invece sulla resistenza nelle lunghe distanze e chi, soprattutto, sulla fiducia in sé stessi e sull’acquisizione della convinzione e della consapevolezza di essere in grado di scrivere un nuovo capitolo della propria personale storia sportiva.
Anch’io, naturalmente, mi sono allenato senza sosta, perché un coach e guida deve dare l’esempio e essere sempre un passo avanti rispetto ai suoi allievi. Un alleato perfetto, nel periodo estivo fatto di caldo afoso ma anche di acquazzoni inaspettati, sono state per me le Soft di Juice Plus+: pratiche, buone e soprattutto ottime per integrare con gusto. Le gommose Soft Miscela frutta, verdura e bacche sono deliziose, sono ricche di nutrienti e vitamine preziose per la salute di tutta la famiglia!

L’identikit di una impresa irripetibile

Ma di cosa si tratta?
Immaginatevi la location: la mia amata Como, con le sue montagne che fanno da sfondo alla città, i boschi di latifoglie e conifere e un lago tanto suggestivo quanto famoso in tutto il mondo.
Ma, lo sappiamo, le imprese sono imprese soltanto se vengono compiute in condizioni difficili. Diventano irripetibili quando, per portarle a termine, serve gettare il cuore oltre l’ostacolo e, guidati dalle motivazioni più disparate, scoprire nuovi aspetti inimmaginabili di sé stessi.

L’obiettivo è raggiungere il punto più alto, panoramico e iconico della zona esattamente in concomitanza con l’arrivo delle prime luci dell’alba: una polaroid virtuale che rimarrà impressa nelle loro menti e nei loro ricordi per sempre!

Ho fiducia nei miei allievi

Le caratteristiche personali e di temperamento di ognuno dei miei allievi hanno fatto sì che, dopo due mesi di preparazione, consideri il gruppo molto affiatato, amalgamato e in sintonia. Al di là dei momenti di difficoltà, la somma della forza delle singole individualità deve sempre permettere all’intero gruppo di diventare inarrestabile.

Sarà un ricordo indimenticabile

Sono sicuro che per molti dei ragazzi rappresenterà un ricordo indimenticabile.
Vi dò appuntamento al prossimo mese per raccontarvi meglio il resto di questa fantastica storia!