Un appuntamento Cult

Febbraio  segna il momento di cominciare ad allungare le distanze e lavorare sul dislivello. Correre e faticare in compagnia può sicuramente essere di stimolo! La notte del 14 febbraio si è  svolta  la nuova edizione della 12 Ore Como – Brunate, un’iniziativa alla quale ho dato vita tre anni fa, coinvolgendo gli atleti che alleno nonché compagni del mio Team dell’ASD TrailLab. La giornata dedicata all’amore trascorsa assieme agli amanti della corsa!  Non si tratta di una gara, ma di un’occasione di allenamento collettivo diverso dal solito: si parte allo scoccare della mezzanotte da Como, direzione Brunate, per poi tornare a Como, formando un anello tra sentieri, ciottolati e scalinate.

Tra costruzioni leggendarie e paesaggi mozzafiato: il percorso

In occasione di questa terza edizione di un appuntamento ormai Cult per il Team dell’ASD TrailLab, ho deciso di disegnare un percorso in maniera semplice: da San Giuliano a San Maurizio, passando da San Donato: un itinerario suggestivo e storico, per far fede alla nostra passione e benedire il vangelo della corsa con il calore del giorno di San Valentino! Si parte da Como, precisamente dalla Chiesetta di San Giuliano; la prima destinazione è in salita: l’Eremo di San Donato. Raggiunta questa leggendaria costruzione del XV secolo, si prosegue verso il faro voltiano, dove si trova la chiesetta di San Maurizio.

Le temperature e l’abbigliamento

A proposito di calore, c’è stata una bella sorpresa in questa 12 ore. Dopo i meno otto gradi del ciclone Burian affrontati nella stagione del debutto di questo evento e i quaranta centimetri di neve comparsi alla prima riedizione, abbiamo avuto a che fare con uno strano caldo primaverile, nonostante fossimo in pieno inverno. Da una parte questo fattore ha reso piacevole l’esperienza di corsa, dall’altra ci ha spiazzato, così come ha spiazzato la natura con fioriture che non avremmo visto altrimenti prima di un mese, un mese e mezzo. Questo sprazzo improvviso di primavera ha fatto sì che, durante la notte, il termometro non si abbassasse mai sotto i 5/6 gradi e, nelle ore di luce, raggiungesse addirittura un valore di 16!

Alimentazione e reintegrazione

Trattandosi di un percorso di 8,5km di distanza totale dotato di 720m di dislivello positivo e con un numero di giri complessivi che varia in base alla propria preparazione atletica, è necessario saper gestire le energie e soprattutto reintegrare al meglio quelle perse. Personalmente ho utilizzato le mie fidate Barrette Complete by Juice Plus+: un nutrimento equilibrato disponibile nella versione al Cioccolato o Mixed Fruits! Sono ricche di proteine ad alto valore biologico, in un pratico formato tascabile che non mi appesantisce e che posso portare comodamente con me durante lo sforzo. A livello di liquidi, invece, ad ogni giro assumevo circa 1 litro tra sali e acqua.

Ritmo e condivisione

Come amo ripetere spesso, la 12 Ore Como – Brunate è una prova di fede verso uno sport e un simbolo di uno stile di vita che mette il movimento alla base di tutto. Il benessere crea dipendenza, la corsa facilita la condivisione. La risultante è un bel team di 18 partecipanti entusiasti, con il sorriso e la voglia di mettersi in gioco in maniera genuina. Per questo il motivo scelgo sempre di tenere il gruppo compatto, così da correre tutti assieme, supportarci e motivarci chilometro dopo chilometro. Al ritmo costante, dunque, si abbina una variabile che è il numero di giri che ognuno decide di portare a termine in base alla sua preparazione.

Il rumore del cannone è il gong della nostra sfida

Abbiamo concluso l’ultimo “giro utile” quando il sole era altissimo: ci siamo fermati ad ascoltare il rumore del cannone di Brunate alle 12 in punto come a voler sancire il finale col botto di un’iniziativa da ripetere! In totale ho macinato 63km con 5100m di dislivello positivo: è stato un ottimo allenamento in vista di una stagione che si preannuncia ricca di impegni. Non mi resta che promettervi che il prossimo appuntamento è dietro l’angolo: Marzo segnerà l’arrivo della primavera e alimenterà la nostra voglia irrefrenabile di correre ancora!