Dott. Stefano Punzo

– Osteopata Massofisioterapista –

Dott. Stefano Punzo

Bandelletta ileotibiale: evitare i sovraccarichi

La sindrome della bandelletta ileotibiale è un’infiammazione della fascia di tessuto connettivo che corre sulla parte esterna della coscia (fascia lata) e che si inserisce sul lato esterno del ginocchio. Si manifesta con dolore nella zona laterale del ginocchio a volte accompagnato da gonfiore. La causa principale è il sovraccarico, cioè l’allenamento intensivo su percorsi che prevedono dislivelli importanti.

In questi casi consiglio all’atleta di interrompere la corsa o di praticarla su terreni pianeggianti e per brevi tratti e di applicare ghiaccio più volte al giorno. Buoni risultati li ottengo con trattamenti mirati utilizzando la metodologia Human Tecar e con la correzione della tecnica di corsa. Consiglio: programmare gli allenamenti per evirare i sovraccarichi e scegliere la scarpa più adeguata al proprio appoggio. Da evitare: la bicicletta.

Dott. Stefano Punzo

Dolori alle gambe: si possono prevenire

Durante una gara di endurance è normale avvertire forti dolori alle gambe nel momento in cui ci si ferma ad una base vita o ad un ristoro. Il consiglio è quello di evitare di sdraiarsi , ma di accovacciarsi con le braccia tese in avanti afferrando i bordi di una superficie. Rimanendo in questa posizione per un paio di minuti e ripetendolo per 3-4 volte, si avvertirà subito un grande sollievo. Per prevenire i dolori alle gambe occorre invece inserire nella programmazione degli allenamenti esercizi di rinforzo muscolare e stretching per elasticizzare muscoli e legamenti, lavorando sempre in collaborazione con il preparatore atletico. Ottimi riscontri li ho avuto da atleti che nei periodo che precedono la gara si sono sottoposti a sedute con Human Tecar® Viss, una nuova tecnologia che produce vibrazione meccano sonora che agiscono sulla riattivazione neuromuscolare favorendo il recupero e migliorando tonicità e potenza muscolare. Con tre sedute consecutive, gli effetti della Viss permangono fino a sei mesi.