Come prepararsi alle gare autunnali, parola di Michele Evangelisti

In questo periodo sono impegnato in 2 gare di fine stagione, diverse per difficoltà, intensità e lunghezza da quelle che ho affrontato in estate ma non per questo meno impegnative delle precedenti.
Lo sapete bene quanto io ami “spingermi sempre OLTRE”

La prima sfida è stata l’Ecomaratona del Barbaresco, anche detta “ecomaratona del tartufo bianco di Alba”. Si tratta di una maratona su strade bianche che si è  tenuta domenica 27 ottobre;  è stata la settima edizione alla quale ho partecipato arrivando sempre tra i primi 5 e vincendo nel 2013. Non ho più la velocità di quando le maratone erano il mio chiodo fisso ma sicuramente è sempre un modo per divertirsi tra ricordi di km ed emozioni passate.!La seconda sfida è il Valtellina wine trail, del 9 novembre prossimo. Il tracciato in questo caso è di “soli” 21km.

A queste competizioni, apparentemente molto differenti rispetto alle precedenti mi sono però preparato in un modo mirato. Questo perché le distanze più “corte” richiedono allenamenti differenti e  specifici:  il fisico deve adattarsi in maniera particolare rispetto ad esempio a una gara di 120 km, dove ovviamene l’intensità di sforzo e il tempo di sforzo cambiano tutto.

Dopo aver affrontato gare come la LUT nelle Dolomiti e la PTL del Monte Bianco, nella quale ho percorso oltre 300 km in meno di una settimana, ho svolto allenamenti defaticanti come nuoto e ciclismo, facendo molto stretching per sciogliere i muscoli e poterli poi preparare a nuove sollecitazioni. Era necessario ritrovare velocità ed esplosività nelle gambe e nel ritmo.

Allenamenti in autunno: che sport pratico e quanto mi alleno

Durante l’autunno non è da sottovalutare il cambio di stagione, dove le temperature variano di molto e l’escursione termica tra il giorno e la notte rispetto all’estate risulta notevole.

In questo periodo ho riadattato il mio corpo a un nuovo ritmo sia dal punto di vista atletico, che psicologico, e per farlo è indispensabile entrare in simbiosi con il proprio organismo e con la natura che ci circonda.

Sto svolgendo  8-9 allenamenti alla settimana, saltando alcuni giorni e facendo 2 allenamenti in altri. Ho diminuito i lunghi visto quanto fatto nei mesi estivi e poiché  mi interessa percorrere solo il 70% della distanza che coprirò in gara.

Mi concentro sugli allenamenti più “brevi” ma intensi, come ad esempio i 1.500 metri e i 3.000m corsi con ritmo elevato, che mi permettono di avere una velocità che resiste nel tempo.

Allenamenti in autunno: abbigliamento e alimentazione

Durante l’autunno mi vesto “a cipolla” poiché la mattina è fresco, ma poi il clima può diventare caldo in fretta. Allo stesso modo il pomeriggio può avvenire il contrario. Per evitare colpi di freddo utilizzo spesso 1 maglietta tecnica a mezze maniche,  un gilet antivento smanicato ed una bandana Buff, tutti indumenti che traspirano e proteggono in modo adeguato. Uso dei pantaloni a mezza coscia e non inguinali come in estate e, per scrupolo, soprattutto negli allenamenti lontano da casa, porto sempre con me un k-way antipioggia, ed una maglietta termica a maniche lunghe.
Un abbigliamento di questo tipo lo consiglio a chi fa allenamenti piuttosto intensi come i miei, dove il ritmo cardiaco è sostenuto e si arriva al 60/70% della propria frequenza cardiaca massima.

 

Per quanto riguarda l’alimentazione in autunno, come durante il resto dell’anno,  bevo molto ed in aggiunta mangio molti frutti di stagione, come uva, cachi e fichi, molto zuccherini e ricchi di energia grazie al sole di tutta l’estate.

Essenziali per me sono le Capsule Premium di Juice Plus+, le quali mi semplificano “la vita”. In questo modo posso permettermi di mangiare frutta e verdura esclusivamente stagionali, senza rinunciare all’apporto di 30 tipi diversi di frutta, verdura e bacche, ma anche vitamine e altri nutrienti di origine vegetale che offrono una vasta gamma di benefici per la salute. Nella mia quotidianità non manco di integrare anche gli omega, utili per la salute del cuore.

Omega Blend di Juice Plus+ fa al mio caso per l’ottima combinazione di acidi grassi omega 3,5,6,7 e 9 di origine vegetale.. per quanto mi riguarda molto più digeribili.

L’autunno è un ottimo periodo per allenarsi e per fare delle gare, il paesaggio è splendido grazie alle colorazioni che ti circondano..
Ci tengo particolarmente all’Ecomaratona del Barbaresco  ed al Valtellina Wine Trail  difatti mi sono allenato con grande impegno nonostante un’annata lunghissima tra km percorsi ed i molti progetti.

La natura autunnale, mi stimola a dare sempre il meglio!