CHI SONO

BIOGRAFIA

MICHELE EVANGELISTI

SPORTIVO DA SEMPRE

Karate, rugby, canottaggio e poi la corsa.

La mia vita è in continuo movimento. Disciplina, determinazione, comunanza di intenti, condivisione, sfida alla resistenza che sfocia in ultra endurance. Questo e molto altro ho imparato e sto imparando vivendo di sport. Ho sudato una vita per il mio sogno olimpico. Ho dovuto  cambiare direzione per star vicino alla mia famiglia in un momento difficile. Lo sport è il mio “modus vivendi”.

Partendo dai 5km passo dopo passo sono arrivato a 100Km! Con questa distanza ho vestito due maglie azzurre, il mondiale 2011 in Olanda e gli Europei 2013 in Francia. Correndo ho poi scoperto il vero Amore, l’Ultra Trail. A luglio 2015 la sfida più grande: l’Alpe Adria Trail 735,5km/35750D+/142H4’: “ed è Record”! A settembre 2015 il Tor Des Geants, per il Team Ferrino, purtroppo sospeso per condizioni meteo al limite.

“Dove posso arrivare?”. Me lo chiedo ogni volta che esco di casa. Viaggio perché non posso farne a meno, cerco il contatto umano, voglio conoscere, incontrare, sapere di più. Mi tuffo in tutto ciò che il territorio e i suoi abitanti possono offrirmi, per dare un senso ed un valore al mio esplorare correndo. Cerco sfide estreme, che mettano alla prova la mia resistenza e il mio limite, curando ogni dettaglio perché nulla mi colga impreparato.

“ Non esiste buono o cattivo tempo, ma solo buono o cattivo equipaggiamento”, diceva il fondatore dello scoutismo Lord B.P.

L’aria pungente della montagna, l’odore del bosco, il salmastro sulla pelle, i pensieri nella mente, la fatica che mi percorre. Non potrei farne a meno. Che le mie scarpe calpestino sabbia, roccia, terra, neve, ghiaccio, il mio mondo è fuori… Come mi diceva la mi’ nonna: “A te l’acqua te bagna e il vento t’asciuga”.

TRAINING

I MIEI ALLENAMENTI

Correre non ha stagione, non ha impedimenti climatici, non è vincolato ad orari particolari. Che sia d’estate o d’inverno, sotto la pioggia o il solleone, all’alba o al tramonto, ciascuno può ritagliarsi il proprio spazio per infilare le scarpe e macinare Km e dislivello. Quando poi correre ed allenare è anche un lavoro e le gare fanno parte della propria vita, è necessaria un’attenta pianificazione degli allenamenti, così come una metodica cura di tutto ciò che fa da “contorno”: alimentazione, stato di salute, scelta dell’abbigliamento ecc.

Tutto questo diventa una meravigliosa quotidianità quando ad accompagnarci negli allenamenti c’è la giusta compagnia e l’immancabile entusiasmo che caratterizza gli amanti del Trail. Provare per credere, anche l’allenamento più faticoso può diventare un momento che si aspetta con ansia per tutta la settimana.

RECORD

ALPE ADRIA TRAIL 2015 – IL RECORD DI MICHELE EVANGELISTI – concept by Soul Running